Archivi tag: Telecom

MAGGIO – GIUGNO 2017

20170717_171509 

MAGGIO 2017                 AIO’

 

02/05/2017

Domani si parte per la Sardegna. Per il nostro 44esimo anniversario le figlie ci hanno regalato unaarco-orolo-3-1800px settimana a Cala Gonone nel golfo di Orosei. Era la regione che ci mancava. Ora potremo dire di aver visitato tutta la nostra bella Italia! Siamo un poco in apprensione per dover lasciare la nostra casetta in questo momento, con i lavori in corso, ma credo sia in buone mani. Speriamo.

A sera il nostro architetto (sardo) ci augura buon viaggio e…ci “intima” che dobbiamo firmare “subito” l’autorizzazione di subappalto per l’idraulico che deve intervenire nei lavori ed inviarla tramite posta certificata ad USL e alla Direzione Provinciale! Non c’è pace ma tant’è. Eseguirò entro domani in qualche modo.

11/05/2017

Siamo ritornati a casa. E’ stato tutto bellissimo. Bellissimi posti, fantastico mare, ottimo cibo,

2d74f8bbf63f6345871702a818542545

Golfo di Orosei: Cala Gonone.

simpaticissimi ed ospitali i sardi anche se proprio non sono riuscito a capire una parola del loro dialetto! D’altra parte basta leggere i nomi delle località: Biddiriscottai, Abbadorgiu, Guttùrgios, Ludurùiu, Manasùddas, Cùccuru su Pirastru, Gola su Gorruppu, Genna Cruxi…..aio’!

18/05/2017

Hanno eseguito la prima gettata in tutto il primo piano. Quei solai stanno a posto.                        

col12_imagec20.37055097728815656-129db3b8280e41c4542cbc9c4e1a8a9d Incomincio a preoccuparmi: fra irrobustimenti e gettate varie le stanze si restringono sia in altezza che in larghezza. Casetta nostra diventerà come quella dei Puffi? Mi sa tanto che qualche nostro mobile non c’entrerà più specie in altezza!

 

24/05/2017

Oggi è venuto il geometra della Icor . Abbiamo parlato di alcuni lavori che sarebbe bene effettuare ma che non sono stati riconosciuti dalla UTR.  Si tratta di lavori (non riconosciuti) che si rendono necessari dopo gli interventi dovuti ( riconosciuti) per la messa in sicurezza dell’edificio! Capito mi hai?

Diciamo che dopo i tre quarti di cammin di nostra vita non ci resta che fare buon viso a cattivo gioco per cercare di vivere tranquilli gli spiccioli di tempo rimasti.

28/05/2017Arco senza fiori

Oggi è domenica. Abbiamo deciso di tagliare l’erba, spostare i vasi, pulire e dare un aspetto migliore a quel poco che è rimasto del nostro giardino. Alla fine ero distrutto ma più sereno. L’età incomincia a farsi sentire.

29/05/2017

Grazie anche all’intervento della prefettura mi ha telefonato una incaricata di E-Distribuzione (alias Enel, Servizio Elettrico Nazionale etc.).

Mi garantisce che per il futuro riallaccio la spesa sarà minima ed i tempi brevi. Lassù qualcuno mi ama!

L’Enel, (alias Servizio Elettrico Nazionale, alias E-Distribuzione…) ha staccato definitivamente la corrente e messo in sicurezza il cantiere. Più veloci della… luce! E’ dal 8 aprile scorso che ne avevo fatto richiesta.

 

 

 

20170717_171509

 

GIUGNO 2017       Andiam, andiam, andiamo a lavorar…

 

05/06/2017

I lavori proseguono alacremente. Il Team della Icor si da da fare sotto l’attento controllo del nostro architetto. Hanno rinforzato tutti i solai, eseguito le prime gettate al primo piano, scavato e rinforzato mura e molto altro.5) 18.05.17 gettata 1p

Ho imparato molti termini nuovi come: ammorsatura, cuci e scuci, catene in ferro lavorato, manicotto di tensione, geotessuto.                                                         Di certo non riconosciamo più la nostra casetta. Attualmente è un coacervo di ferri, tubi, buchi, scavi…ma va bene così.

07/06/2017

7) 06.06.17 preparaz. 2a gettata 2°p (2)Oggi il nostro architetto effettua il sopralluogo per dare l’OK alla gettata al secondo piano. E’ presente anche il geometra Marchetti della Icor. Spero e credo che non ci saranno problemi. Avanti tutta.

 

Ieri ho chiamato la Telecom.  Ci sono dei cavi inutilizzati da tempo ancorati al muro che devono essere tolti. Hanno preso nota e dato un numero di pratica pur sottolineando che “non sono più da tempo loro cliente”. E allora?

09/06/2017

Alle 14,25 stavamo ancora a tavola finendo di pranzare quando abbiamo avuto una visita inaspettata. Michela ed io ci siamo guardati in faccia perplessi. Era LUI, il terremoto!                                                Il televisore rollava come una nave dentro a una tempesta, il tavolo vibrava, l’acqua nella bottiglia formava un piccolo maremoto, il lampadario dondolava ubriaco.                                                                Si è intrattenuto per poco tempo e ci ha lasciati presto. Si potrebbe accusarlo di stalking per il suo comportamento reiterato di tipo persecutorio?

L’epicentro sembra sia stato a Pizzoli vicino a L’Aquila. Grado 3,9.

 

12/06/2017

Oggi arrivano in cantiere gli elettricisti e domani gli idraulici. Quasi tutta l’impiantistica verrà collocata sotto al pavimento. Cammineremo su centinaia di metri di cavi elettrici, idraulici e termici. Si va avanti.

Sollecitata la Telecom per far togliere i cavi telefonici.

21/06/2017

Oggi sono state prese le misure per le porte e le finestre.

23/06/2017

11) 26.06.17 (1) Gli idraulici e gli elettricisti hanno finito la prima parte del lavoro di posizionamento dei cavi e la creazione delle scatole di derivazione e centraline.

27/06/2017

Ho firmato la prima SAL.(Stato Avanzamento Lavori). E’ il documento che attesta l’avvenuta esecuzione di una certa quantità di lavoro che deve essere pagato. Il nostro architetto ed il rappresentante della Icor lo stanno preparando per presentarlo al Comune che lo invierà alla UTR. E’ composto da una moltitudine di disegni tecnici, cifre, CD, foto.

Annunci

OTTOBRE-NOVEMBRE-DICEMBRE 2009

z settembre 2007 2 032OTTOBRE 2009: Nihil sub sole novum. (Niente di nuovo sotto il sole. )

Fino al 09 Ottobre Nulla da dichiarare salvo che abbiamo nostalgia della nostra casetta. Ci manca.

Ci manca il giardino con le sue piante e la sua aria di libertà ed il cinguettio degli uccellini.

Ci manca l’orticello e gli alberi d’ulivo e quelli da frutto.

Ci manca lo spaziare con lo sguardo e vedere l’azzurro del mare, le sinuose colline o la Maiella ora già innevata.

Ci manca la luce che filtra dentro casa da nord, sud, est ed ovest.

Ci manca, perché no, anche l’abbaiare del nostro cane e il fastidioso rumore delle auto che passano sulla strada attigua.

Ringraziamo il cielo, per carità, ma qui in paese è più triste.

Guardiamo fuori dalla cucina, sempre buia anche nelle giornate di sole ma ancora più buia già dalle prime ore del pomeriggio, e vediamo le tegole dei tetti, qualche piccione e qualche nero corvo.

Il panorama dal 2° piano

Il panorama dal 2° piano

Ci affacciamo sul terrazzino al piano superiore e lo sguardo spazia su altri tetti ricoperti da vecchie tegole sconnesse, qualche piccione, alcuni corvi e una parte di chiesa parrocchiale con una delle torri amputata.

Solo affacciandoci alla porta-finestra della camera da letto cambia il panorama. Vediamo la casa di Vito, un giovane simpatico carabiniere siciliano nostro dirimpettaio che ci allieta con vari cambi di biancheria e panni stesi. Questa è l’unica variante e nota di colore del paesaggio che ci circonda. Sigh.

10 Ottobre      Ho chiamato il nostro architetto al cellulare. Mi dice che tutto procede e si farà risentire lui con calma.

11 Ottobre     E’ una domenica poco serena. Michela non sta bene. Sono un po’ allarmato.

12 Ottobre         Porto mia moglie al pronto soccorso. Le iniettano in vena dell’antidolorifico. Sta un pochino meglio. Fa anche una ecografia che evidenzia alcuni problemi. Deve curarsi, fare degli esami e prenotare un’altra eco entro 30 giorni ed una seconda di controllo entro gennaio prossimo.

Chiedo la prenotazione al Cup Pescara. Risposta : 30 aprile 2010 ore 9 !!!!200 giorni !!! Della serie : “ uno su mille ce la fa”.

Dovremo provvedere altrimenti e senza il Servizio Sanitario Nazionale.

Diciamo che tutto il male non vien per nuocere: Michela per alcuni giorni non andrà al lavoro.

13 Ottobre    Mi ha telefonato il nostro architetto. Tutto va bene. Sta preparando la lettera di incarico ed altri documenti. Mi invita a stare sereno. Si farà sentire lui. Tutto va ben madama la marchesa…

Ci è stata recapitata una lettera della Telecom. Questa volta è stata spedita da Asti dove ha sede il Servizio Clienti Residenziali. Spedita il giorno 8 ottobre è già arrivata. Si sa che lì vanno a spumante!

Mi scrivono che nell’impossibilità di contattarmi telefonicamente ( non hanno pagato la bolletta ?) hanno effettuato i dovuti controlli e riscontrato la fondatezza di quanto da me evidenziato.

Esprimono le scuse per l’accaduto e confermano di aver disposto la diminuzione per la fattura con nota di credito. Precisano che la linea telefonica è stata riattivata il 10 settembre scorso ! ( Invero era il 12 !).

A questo punto sembra tutto finito. Meno male. La diatriba andava avanti da giugno scorso con innumerevoli telefonate da parte mia, con inviti a non pagare, con richieste di pagamento, con cessazione del servizio, con lettere etc. Così va il mondo…o l’Italia?

Fino al 19 Ottobre Nulla da segnalare.

Piovono calcinacci sulle scale.

Piovono calcinacci sulle scale.

20 Ottobre      Sono caduti dei mattoni dalla casa adiacente la nostra, quella fatiscente. Alcuni si sono frantumati sulle scale esterne che portano alla nostra porta di ingresso. Fortunatamente nessuno è stato colpito.

Via Garibaldi non è molto frequentata. Il massimo del traffico è offerto dai variopinti gatti del quartiere e da due cani che collaborano con i piccioni a sporcare la strada.

Nei giorni scorsi c’è stato molto vento, quasi una bufera. Sul tetto della casa a fianco la nostra si sono posate 2 lamiere ondulate che se ben ricordo coprivano il tetto, rimasto danneggiato dal sisma, di un’altra casa.

Sono andato al Comune ed ho riferito al comandante della Polizia Urbana.

Questi mi ha invitato a parlare con il geom. Sigismondo dell’Ufficio Tecnico.

Sono sceso all’ufficio del geometra che mi ha invitato a rivolgermi al comandante dei Vigili !!

Non sono stato al gioco.

Ho lasciato detto al geometra il fatto dei mattoni caduti oltre che rammentargli che ancora sto aspettando la messa in sicurezza dell’impianto del metano con l’esecuzione del “famoso” foro di aerazione.

Ha preso diligentemente nota promettendo di risolvere al più presto.

Dai tempo al tempo.

Fino al 24 Ottobre   Niente da segnalare.

 25 Ottobre      Oggi, domenica, alle 8,30 è venuto Fabio, l’idraulico, assieme ad un fabbro.

Il fabbro deve prendere le misure per eseguire il foro per la aerazione sul vetro della finestra della cucina ed applicarvi una griglia . ( Io sapevo che una volta il fabbro era l’artigiano che lavorava il ferro e non il vetro ! C’entra la globalizzazione ?)

Ha detto che lo farà sul posto fra qualche giorno. E’ da maggio che aspettiamo e credo possiamo aspettare ancora un poco. Finché c’è vita….

Dobbiamo anche effettuare il controllo annuale obbligatorio della caldaia a metano. Dato che la usiamo noi mi sembra sia nostro dovere. Abbiamo sentito Gabriele, il nostro idraulico, ed ha detto che lui conosce chi lo fa e ce lo manderà al più presto.

Ora aspettiamo e vediamo chi arriva prima.

Fino al 31 Ottobre Nulla da segnalare da tutti i fronti tranne da quello interno. Io continuo ad avere la pressione alta e sono sempre sotto cura ma in compenso mia moglie sta meglio anche se deve eseguire varie analisi ed esami. Succede ai vivi.

…continua…

z settembre 2007 2 032NOVEMBRE 2009: Carpe diem. ( cogli il giorno che passa. )

01-02-03 Novembre

Raccogliamo le olive nella nostra   “tenuta “.  Possediamo 7 o 8 piante. (Essendo tante non ci ricordiamo il numero preciso !).

La pioggia ci ostacola un pochino e le giornate corte non ci permettono di lavorare oltre le cinque del pomeriggio. Michela ed io ci mettiamo l’anima ed alla sera crolliamo dalla stanchezza ma concludiamo il raccolto. Otteniamo un risultato record : 250 chili, il migliore dal 1983.

Anche per questa volta abbiamo il nostro olio per tutto l’anno ! Almeno in questo il terremoto non ha inciso negativamente.

 04 Novembre    Alle 18, da noi cercato, viene l’operatore per la manutenzione della caldaia accompagnato dal nostro amico Gabriele.

Effettua il controllo tecnico obbligatorio.

Tutto a posto. Ci dice che la caldaia è di tipo vecchio ma abbastanza buona. E’ stata installata nel 1998 e quest’anno è la prima volta che viene utilizzata. Paghiamo 83 euro e ci sentiamo più tranquilli e… leggeri.

Anche questa è fatta. Manca sempre il foro di aerazione ( fatto rimarcato dal tecnico) ma siamo sicuri che prima o poi…il Comune ci penserà.

05-06 Novembre    Nessuna novità.

07 Novembre     Abbiamo ricevuto una e-mail dallo studio dell’architetto Galasso. E’ stata definita la lettera di incarico ed ora devono fissare l’ appuntamento con l’Ufficio Tecnico del Comune di Collecorvino. Si scusano per il ritardo ma hanno avuto alcune scadenze all’interno del cratere che hanno dovuto rispettare.

Aspettiamo.

Fino al 15 Novembre  Nessuna novità.

 16 Novembre     Stamane alle 11 è venuto il fabbro che il 25 ottobre aveva preso le misure della finestra in cucina per fare il foro di aerazione. Non lo aspettavo ed è rimasto sorpreso che nessuno del Comune mi avesse avvisato.

Lui li aveva avvertiti che era per oggi e lo avevano assicurato che mi avrebbero telefonato. Tutto normale.

Anche lui è di Picciano, un Comune confinante.

Da quella località provengono il geometra Sigismondo, l’idraulico, l’elettricista ed altri che lavorano per Collecorvino.

Gli ho chiesto se al Municipio di Picciano lavorasse gente di Collecorvino ma, sorridendo, non mi ha risposto. Riecco la globalizzazione.

In un quarto d’ora ha smontato il vetro e rimontato quello nuovo con il foro già fatto e attrezzato per l’uso.

In 23 giorni, dalla presa delle misure, si è risolto anche questo problema dopo 5 mesi e mezzo di cauti solleciti.

Fino al 19 Novembre nulla da segnalare.

20 Novembre    Nota di folklore : oggi le Poste mi hanno consegnato gli avvisi di ricevimento di due raccomandate che avevo spedito a Pescara ( 20 km.) il 26 settembre. Ulisse ci aveva impiegato meno a ritornare ad Itaca da Troia.

Fino al 24 Novembre nulla da segnalare.

25 Novembre     Oggi nel pomeriggio abbiamo tagliato l’erba cresciuta a dismisura sul piazzale davanti a casetta nostra abbandonata.

I “pazienti” devono essere tenuti puliti.

Se domani è bello tagliamo l’erba del giardino dietro casa. Sta diventando una piccola foresta amazzonica.

A sera inizia a piovere. Rimandiamo.

26 Novembre nulla da segnalare.

27 Novembre     Ho telefonato all’architetto Galasso.

E’ stato colpito dall’influenza killer della quale parlano ogni giorno da mesi i quotidiani, i settimanali, i mensili,i giornalini dei Testimoni di Geova, la televisione e la radio per bocca e penna di illustri medici, di ministri, di giornalisti, di più o meno ferrati conduttori, di gente comune e di Topo Gigio.

Da una settimana è costretto a letto con febbre alta ma ora è in via di guarigione.

Mi rassicura che tutto procede, lentamente ma procede. Purtroppo ci sono state nuove ordinanze per la zona del cratere aquilano che ha la precedenza. Sono cambiate delle disposizioni e sono usciti altri nuovi provvedimenti che sostituiscono o modificano quelli precedenti. Meccanismo infernale.

…continua…

casa inv.DICEMBRE 2009 : Adeste fideles…

Fino al 7 dicembre Nulla da segnalare. Calma piatta.

8 dicembre    Oggi è L’Immacolata. Prepariamo anche quest’anno l’albero. E’ un vero finto albero cosiddetto ecologico.

Lo preleviamo da casetta nostra infortunata e lo portiamo in via Garibaldi. Lo posizioniamo in cucina. Occupa molto spazio. Per andare in camera abbiamo dovuto attivare il senso unico alternato.

Appendiamo le palle tutte gialle e le luci bianche.

Natale 2009. Il nostro albero con il presepe a due piani.

Natale 2009. Il nostro albero con il presepe a due piani.

Alla base montiamo un mini presepe su due piani. Come a casa Cupiello il presepe non deve mancare.

Al piano nobile superiore c’è la Sacra Famiglia con il bue e l’asinello e, tanto per creare un sottofondo musicale, un pastore che suona la zampogna. Forse è abruzzese!

Al piano terra tre donne parlano con un pastore che porta sulle spalle una pecora. A loro sembra non importare di quello che succede al piano di sopra. Che avranno da dirsi ?

L’atmosfera c’è tutta. Mancano i regali avvolti in luccicanti carte ma arriveranno.

Il Mercatino di Natale nella piazza del centro storico.

Il Mercatino di Natale nella Piazza del centro storico.

In paese oggi c’è festa. Il Comune e la Pro-Loco hanno organizzato il Mercatino Natalizio.

Stands gastronomici e bancarelle sono installati lungo tutte le vie del centro storico. Collecorvino oggi ha una botta di vita.

Hanno acceso anche un grande albero di Natale in piazza e sotto ad esso il famoso coro locale Berenci canta le tradizionali canzoni natalizie. L’evento ha avuto successo e la gente è accorsa numerosa fino a sera tarda. Bene.

Fino al 21 dicembre    Nulla da segnalare tranne che il freddo si fa sentire. Ieri ed oggi la temperatura esterna si è attestata sui meno cinque gradi.

Abbiamo dovuto accendere il termocamino nella nostra casa abbandonata. L’acqua si stava congelando nelle tubature con il rischio si spaccassero anche i vari elementi riscaldanti. Chiudiamo sempre l’interruttore generale della corrente, essendo la casa disabitata, ma per caso oggi l’abbiamo riacceso. Fortunatamente la pompa si è messa in moto facendo scorrere l’acqua nell’impianto. Siamo intervenuti in tempo. Il termostato segnava già soli quattro gradi. Il pericolo è sempre in agguato.

 22 Dicembre     Ho sentito l’avvocato Carminucci della Confappi. Entro domani mi dovrebbe contattare l’architetto Galasso per iniziare ufficialmente la pratica del sisma.

Mi è arrivata una e-mail da Galasso. Domani è a Collecorvino. Gli servono dei dati catastali della casa lesionata. Glieli preparo.

Il gelo dei giorni scorsi ha seccato molte piante nel nostro giardino. Durante la visita quotidiana abbiamo contato vari decessi. Meglio loro che noi.

23 dicembre      Incontro l’architetto Vincenzo Galasso. E’ stato già al Comune ed ha incontrato l’ingegnere Di Giacomo.

Gli ha fatto firmare un documento che serve per la nostra pratica. Ha avuto qualche reticenza ma alla fine l’ingegnere ha firmato.

Ho firmato anch’io dei documenti per la visura catastale. Dopo le feste verrà a Collecorvino per iniziare il vero e proprio sopralluogo e redigere la documentazione sui danni. Ci vorranno minimo due giorni.

Finalmente le carte si muovono. Fate il vostro gioco.

Domando all’architetto quanto tempo passerà per iniziare la fase di messa in sicurezza e ristrutturazione. La risposta è precisa : non si sa ! ”

Ci scambiamo gli auguri.

24 dicembre      Oggi sono arrivate Marzia e Marina. Passeremo insieme il Natale.

Siamo andati al ristorante La Fattoria per fare gli auguri a Cristiano e famiglia. Abbiamo portato loro un piccolo pensiero. Ci sembrava più che giusto per come ci avevano accolto e fatti sentire come, si fa per dire, a casa nostra.

Parlando del più e del meno abbiamo saputo che ancora non sono stati pagati dal Comune per la nostra permanenza durata 17 giorni a maggio. Gli hanno risposto che il Comune non ha soldi e di aspettare fin quando arriveranno i rimborsi dallo Stato !

25 dicembre     Buon Natale a tutti.

Più che Natale oggi sembra quasi un giorno estivo. Fuori ci sono 25 gradi. Il

La "Casa Gialla" di Via Garibaldi addobbata per il Natale.

La “Casa Gialla” di Via Garibaldi addobbata per il Natale.

tempo è anomalo ma oggi lo siamo un po’ tutti.

Siamo stati a fare gli auguri a Miura, il nostro cane, ma per lei è sempre festa appena ci vede.

26 dicembre      La famiglia è ancora riunita. Si mangia, si beve, si gioca a carte. Natale classico. Pancia classica.

27 dicembre        Marzia, la girovaga, parte per Roma. Marina la raggiungerà a giorni. Anche noi abbiamo deciso di partire il 31 per Roma. Passeremo la notte in attesa dell’anno nuovo facendo compagnia alla ultraottantenne zia di Michela, la grande Vittoria. Verranno anche altri parenti. Libidine.

…continua…

AGOSTO 2009

z settembre 2007 2 032AGOSTO 2009 : Festina lente. (affrettati lentamente)

01-02 Agosto    Nessuna novità tranne una leggera scossa intorno alla mezzanotte fra il 2 ed il 3 agosto.

03 Agosto Abbiamo deciso di risentire la Prefettura di Pescara.

Parlo con il sig. Sanfilippo. Mi dà alcuni numeri telefonici della DICOMAC ed un cellulare della dottoressa Titti Postiglione della Protezione Civile dell’Aquila. Lo ringrazio.

Chiamo la dottoressa ma non riesco a parlarci. Penso sia occupata in miriadi di riunioni. Tutti sono sempre in riunione !

Le invio un SMS scusandomi innanzi tutto di contattarla in questo modo.

Verso sera mi richiama. La ringrazio sentitamente e le espongo i nostri problemi. E’ gentilissima. Mi chiede un poco di tempo per darmi dati giusti.

Mi richiama dopo breve tempo. Mi elenca alcune ordinanze e specialmente la 3753 del 6 aprile 2009 ed in maniera molto semplice mi dice cosa devo fare.

La verifica e classificazione dei danni deve essere fatta direttamente da un nostro tecnico utilizzando la scheda della Protezione Civile . Bisogna redigere la domanda a seconda della classificazione e i moduli sono in possesso del Comune ma dovrebbero averli anche i tecnici di parte nostra. E’ importante la perizia giurata. La scadenza dell’8 settembre (brutta data per l’Italia !) dovrebbe interessare solo la categoria A, per le altre ci dovrebbe essere una proroga.

La ringrazio. Lei aggiunge di rimanere a disposizione per qualsiasi problema.

Contatto l’arch. Galasso ma riesco a parlargli a malapena a causa delle zone “senza campo” . Lui è in auto. Richiamerò.

04 Agosto Decido di riandare al Comune per incontrare l’ing. Di Giacomo e farmi dare la scheda di rilevamento danni.

Nell’entrare nella sede comunale incontro il signor Zaffiri !

Mi chiede come va !

Gli rispondo secco che va male.

Mi chiede perché !

Gli rispondo che ancora lo sto aspettando.

Il 23 luglio mi aveva dato appuntamento alle cinque del pomeriggio ma non si è fatto vedere. L’ho cercato molte volte al cellulare, a casa e al Comune ma era sparito. Un gruppo di periti doveva venire ma non si è visto nessuno.

Ecco perché!

Mi risponde che ci sono stati dei cambiamenti, che non è vero che il giorno fissato per il sopralluogo l’ingegnere stava male ma che solamente era stato annullato tutto. In quanto al fatto che cercavo di rintracciarlo, lui era molto impegnato. Taglio corto. Gli dico di essere venuto al Comune per ritirare la scheda rilevamento danni.

Entriamo nell’Ufficio Tecnico.

Il sig. Zaffiri chiede la scheda all’ing. Di Giacomo. L’ingegnere esclama che non la può consegnare perché non si sa come sia stata classificata l’abitazione terremotata. Zaffiri insiste. L’ingegnere anche. Zaffiri se ne va.

Fine dello sketch.

L’ingegnere Di Giacomo mi ribadisce la modalità e cioè che devono essere i miei periti a effettuare il sopralluogo etc. …Mi dice anche che sono uscite altre circolari che fissano le parcelle dei tecnici etc. poi aggiunge che lui va in ferie e ritorna l’8 settembre ! Gli auguro buone ferie e lo saluto cordialmente.

E’ stato affisso un avviso in vari posti del paese. Il Sindaco rende noto, viste le ordinanze 3778 e 3779, che per i danni classificati A,B e C è prevista la concessione di contributi dietro presentazione di una domanda conforme al modello fornito dal Comune. Scadenza 8 settembre 2009. Datato 28 luglio 2009. Non torno indietro.

Contatto l’architetto Galasso. Mi dice che hanno derogato la scadenza. Chiede uno o due giorni perché deve parlare con un certo ing. Fabrizio della Protezione Civile dell’Aquila e poi viene a Collecorvino. OK.

05-06 Agosto Nessuna novità.

  L’architetto Galasso mi chiama al cellulare. Si trova presso gli uffici del Comune.

Ha già parlato con il geometra Sigismondi che sostituisce l’ingegnere che è in ferie. Si sono ridati appuntamento fra qualche giorno per approfondire la mia posizione.

Lo raggiungo. Mi dice che sono uscite delle circolari che regolano proprio le varie situazioni venutesi a creare “ fuori cratere “. Ci sono molte novità a nostro favore.

Ci sono state deroghe per quanto riguarda la scadenza dei termini ( con esclusione dei danni classificati A ) per consegnare la domanda dei contributi e indicazioni sulle modalità con cui preparare la domanda e nell’ordinanza 3797 si riconosce anche un contributo per le spese sostenute per il trasloco da presentare presso il Comune.

Ci facciamo ricevere dal Sindaco.

L’arch. Galasso lo istruisce sulle novità. Gli fa vedere le ultime ordinanze. Fa riferimento anche all’avviso del Comune affisso il 28 luglio che non è del tutto veritiero. Il Sindaco si stampa delle fotocopie. Ringrazia. Vi aggiunge a penna alcune note per l’Ufficio Tecnico.

Rivolgendosi a noi dice : “ ci vorrebbe una persona solo per star dietro a tutte le ordinanze, avvisi, decreti etc. “

Ci salutiamo cordialmente.

L’architetto sale sul suo scuterone e riparte per Pescara. Io torno alla casa di via Garibaldi un pochino (ma non troppo) più sereno.

08-09 Agosto Nessuna novità

10-11-12 Agosto       Abbiamo ospiti presso la nostra abitazione di via Garibaldi. Sono venuti a trovarci la nipote di Michela, Giordana e la famiglia, il marito Paolo, la piccola Alma e la piccolissima, 2 mesi, Wilma. Siamo stati bene insieme.

13 Agosto Nessuna novità. Ho inviato un SMS di buon ferragosto all’arch. Galasso.

14 Agosto La famiglia è tutta riunita. E’ tornata anche Marina da un periodo di ferie in Puglia. Passiamo insieme ferragosto. Cosa buona e giusta. Contento.

15 Agosto Abbiamo pranzato nel nostro giardino della casa abbandonata. Carne sul barbecue e molta verdura. Molto caldo ma felici.

Il nostro giardino. Paradiso in terra.

Il nostro giardino. Paradiso in terra.

16-17-18 Agosto L’Italia è in ferie. Ferie corte, ferie con panino appresso, ferie mordi e fuggi ma in ferie.

19-20 Agosto Michela ed io decidiamo di evade  re e andare due giorni a Recanati, ospiti a casa di Marina e di farci un piccolo giretto nella provincia di Macerata. C’è anche Marzia.

Il borgo di Elcito, nelle Marche, di antica fondazione spagnola.

Il borgo di Elcito, nelle Marche, di antica fondazione spagnola.

Visitiamo delle bellissime località : la spagnola Elcito, il bellissimo castello di Caldarola, la verdissima Abbadia di Fiastra, la medioevale Tolentino ed il castello della Rancia, i bei borghi di Appignano e Sarnano. Tutti posti molto puliti, curati che denotano un alto senso di civismo.

La sera del 19 agosto degustiamo in una pizzeria del centro storico di Recanati una buona pizza con le figlie ed il 20 si ritorna a casa, nella nostra seconda casa, non prima di essere passati alla casa abbandonata ed aver dato cibo e carezze al nostro cane Miura.

Ferie finite. Concise ma belle.

21-22-23 Agosto Nessuna novità. L’Italia si riposa.

24 Agosto Scopro su Internet che è stata emessa la nuova fattura di Telecom. Non c’è nessun riferimento alla nota di accredito.

Chiamo il 187. L’operatrice Cinzia mi bacchetta : “ doveva pagare a suo tempo scorporando la cifra per il trasloco !!”

Le faccio presente che precedentemente tutti i suoi colleghi mi hanno detto di non pagare e di attendere un riscontro da Telecom. Le chiedo anche di inviarmi una e-mail nella quale mi da l’assenso allo stralcio, tanto per avere una documentazione in mano. Mi risponde che ciò non è possibile.

Le domando allora un consiglio definitivo sul da farsi. Scocciata esclama : “ ho digitato il suo sollecito per la definizione della pratica. Aspetti e le faranno sapere. “ Chiude.

Della serie “ faccia come c…le pare.”

25 Agosto Nessuna novità dai vari fronti.

26 Agosto Suonano alla porta. E’ l’architetto Galasso. Lo faccio accomodare. Gli chiedo se vuole, come dicono da queste parti, un “complimento”, cioè come dicono da queste parti, qualcosa di fresco da bere o altro. Rifiuta con un grazie.

Lo vedo troppo sorridente, quasi beffardo, ironico. Sembra attendere una mia domanda per fare la battuta come fossi la spalla del comico.

Recito : che cosa è successo ora” ? Mi risponde, sempre con il sorriso che via via che parla sparisce.

E’ stato al Comune.

Prima di tutto il geometra Sigismondo non sostituisce (come detto dal Sindaco il giorno 7) l’ingegnere Di Giacomo. Nessuno ne fa le veci ! Il posto è vacante per ferie. L’architetto dovrà ritornare per parlare con l’ingegnere il 3 o 8 settembre.

Continua.

Ha parlato anche con il geometra Sigismondo che gli ha raccontato che prima del sisma era venuto a casa nostra, in contrada Materna, a fare un sopralluogo non si sa per quale motivo. Forse presagiva che si sarebbe scatenato il terremoto! Oh novello Nostradamus !

Già in quell’occasione dice di aver riscontrato che la casa era insicura !! Per Bacco! Dio del vino !

Perché allora non ci avvisò e ci lasciò nel pericolo di una catastrofe e con un futuro incerto ?!

Domande:

come è entrato in casa ? Chi gli ha aperto la porta ? Aveva le doppie chiavi ? E’ entrato da una finestra ? Per passare nel giardino ha addormentato il cane con una polpetta intrisa di sonnifero ?

Riusciranno miss Marple o Hercule Poirot a risolvere l’enigma ?

Subito mi sono messo a sorridere sbalordito ma poi mi sono incazzato.

Questo è matto !! “ Ho esclamato.

L’architetto mi fissa con aria stupita ed io, rivolgendomi a lui, gli giuro ( non che ce ne fosse bisogno) di non aver mai ospitato, dal 1982 anno in cui siamo venuti ad abitare in questo paese, nessun rappresentante, assessore, impiegato e qualsivoglia dipendente del Comune, né da me chiamato né per altri motivi tranne che il giorno 6 aprile 2009 quando vennero a fare una specie di sopralluogo l’ingegnere Di Giacomo e il messianico geometra Sigismondo da me chiamati dopo il sisma.

Non riesco a capire il perché di questa uscita e per quale motivo l’abbia fatta. Voglio andare subito al Comune e chiedergli spiegazioni ed eventualmente …sfidarlo a duello, con a me la scelta delle armi: io con un bazooka anticarro e lui con una pistola ad acqua !

L’architetto cerca di calmarmi. Mi calmo. Ragiono.

In effetti non vedo la ragione di fare casino e poi perché ? Improvvisamente non ne vedo un senso come insensate sono le cose che stanno avvenendo e mi vengono riferite.

Sospiro profondamente. Lascio perdere l’idea del duello. (però era carina !)

Mi rivolgo all’architetto e gli chiedo gentilmente di proseguire nel lavoro affidatogli.

Gli supplico di non abbandonarmi e di presentare al più presto la documentazione necessaria per la richiesta degli aiuti statali. Gli domando scusa per il mio scatto d’ira. Mi capisce. Ci salutiamo. Ci risentiremo al più presto.

27 Agosto Telefono all’idraulico Fabio che lavora per il Comune. Gli ricordo del foro di aerazione che manca per poter definire a norma l’impianto a metano.

E’ meravigliato. Dice che era rimasto d’accordo con l’Ufficio Tecnico che ci avrebbero pensato loro. Promette di risentire il geometra Sigismondo e di provvedere in qualche modo.

I mesi passano, i bimbi crescono, le mamme invecchiano…anche i padri.

28 Agosto Nessuna novità.

29 Agosto       Chiamo il 187 della Telecom. Parlo con l’operatrice Luigina. Chiedo della mia pratica. Anche lei mi dice che forse è meglio pagare la bolletta contestata stralciando il non dovuto. Mi dà anche il numero di conto corrente postale apposito. Aggiunge che l’accredito è ancora in corso di lavorazione e finisce con un “scelga lei “ che mi lascia un poco perplesso.

Mi sa che davvero è meglio pagare. Devo provvedere.

30-31 Agosto Nessuna novità.

…continua…