OTTOBRE, NOVEMBRE, DICEMBRE 2017

OTTOBRE 2017 Fin che la barca va…

21)03.08.1702/10/2017 lunedì

Ho effettuato e inviato i bonifici riguardanti il 1°SAL. Alleluja.

Con la cifra a disposizione ho potuto pagare per intero solo la Icor ed un geologo che aveva effettuato i lavori nel 2010! Il nostro architetto ha rinunciato al proprio onorario pur di non ritardare il crono-programma dei lavori nonostante dal 2009 non percepisca alcun rimborso. Bisogna dargliene atto!

Essendo la prima volta che i dipendenti della banca operavano con questo tipo di conto “dedicato al sisma”, fra varie loro telefonate e ricerche di informazioni presso altre sedi, ho passato la mattinata, dalle ore 9 alle 12 in punto, a loro completa disposizione con una sola pausa caffè (non buono) e una boccata d’aria (buona?).

03/10/2017 martedì                                                                                                                                      Ho consegnato copia dei bonifici all’Ufficio Tecnico del Comune. Ora è in attesa dei bonifici dell’altra beneficiaria per poter rendicontare i pagamenti alla USRC e quindi dare il via al nostro secondo SAL e alla eventuale integrazione del primo. Speriamo bene.

06/10/2017 venerdì                                                                                                                                          Altra doccia fredda. Il geometra della Icor, mi riferisce telefonicamente che il cantiere resterà chiuso barbapapa-barbapapa-53248anche nella settimana dal 9 al 13 ottobre ! Adduce sempre le stesse motivazioni (amministrative e organizzative) ma conferma pure di aver acquistato altri materiali occorrenti per poter procedere poi più velocemente. (?) Mi sa tanto di un “barbatrucco”! Resto di stucco.

 

09/10/2017 lunedì                                                                                                                                    Assisto (per conoscenza telematica !) ad uno scambio di pec fra il nostro architetto e la impresa edile circa la momentanea sospensione dei lavori. L’architetto non ne riconosce i motivi e confida in una celere ripresa mentre la Icor ribadisce siano imputabili in parte alla ritardata erogazione finanziaria nonché alla riorganizzazione interna delle squadre dei suoi operai.  Mi aggrego alla discussione inviando ad entrambe le parti una pec riconoscendo e comprendendo le rivendicazioni di entrambi ma chiedendo, nel contempo, che siano risolte nel miglior modo possibile (se possibile). Scoraggiato.

Sono alquanto turbato e infastidito nel pensare come tutto ciò succeda anche a causa di “addetti ai lavori” (di qualsivoglia Ente e Istituzione) che sebbene umanamente sollecitati (per non dire pregati) a svolgere le pratiche nei tempi appropriati si rifugino nelle solite frasi fatte quali:  che vuole, siamo in Italia”, “ora noi non c’entriamo più”, “esistono i tempi tecnici”, “non è colpa nostra”, “sono le leggi assurde”, “è questione di bilancio”……etc. Quando ascolto in televisione le personalità politiche di turno dichiarare, dopo i purtroppo ripetuti eventi catastrofici, che “non ci sono problemi”, che “ i soldi ci sono”, che “lo Stato è vicino e tutto si risolverà in tempi brevi”, resto veramente sconcertato.

 

Mi viene in mente una locuzione latina di Cicerone: “quo usque tandem abutere, Catilina, patientia don-quixotenostra?” (fino a quando, Catilina, abuserai della nostra pazienza?). Poi guardo la mia carta d’identità e mi rendo conto che non ho più l’età per emulare un Che Guevara. Dovrò accontentarmi a malincuore di fare il Donchisciotte e lottare contro i mulini a vento.

 

 

10/10/2017 martedì                                                                                                                                      Sono stato al Comune per fare il punto della situazione con il giovane geometra Lorenzo dell’Ufficio Tecnico. Mi chiede scherzosamente (ma non troppo) se sarà costretto a vedermi ogni giorno!

So di essere alquanto invasivo o, per dirla in “slang” Oxfordiano, un rompicog…. ma gli rispondo che mi sento obbligato a farlo. Non mi sto interessando a come si pettinano le bambole o a come si srotolano i pitoni ma più concretamente cerco, dopo quasi nove anni, di tornare a casetta nostra per trascorrervi quei non più tanti anni che mi rimangono.

Gli chiedo del nostro secondo SAL presentato il 19 settembre scorso. Mi risponde che purtroppo ci sono stati degli intoppi con l’altra beneficiaria ma una volta sanati provvederà ad inviare subito la rendicontazione all’USRC per dare l’avvio alla pratica.  Mi chiarisce pure come l’USRC eroghi gli importi al Comune e non nominalmente ai beneficiari calcolandoli in una certa percentuale e maniera (??) e quindi non è detto che venga rispettata la cifra richiesta con il SAL!                                                      Gli domando a cosa serva allora presentare un SAL dettagliato e documentato?                                Mi risponde “ perché è così ”..

Lo saluto cordialmente ed esco più intontito del solito e per niente “chiarito”. Ma se ci comportassimo anche noi privati cittadini nello stesso modo nei riguardi dello Stato, Enti etc:??

bandiera bianca13/10/2017 venerdì

Altra doccia fredda. Mi avvisano che neanche dal 16/10 al 20/10/17 il cantiere sarà operante. Le argomentazioni sono sempre le stesse.

Sul tetto sventola bandiera bianca !

16/10/2017 lunedì

Abbiamo portato al frantoio le olive raccolte nella nostra “tenuta”di 6/7… piante: 70 chili! Mia moglie ed io ci abbiamo messo 2 giorni per la raccolta ( a mano) nonostante l’età e gli acciacchi (specie i miei!). Siamo comunque soddisfatti. Pane ed olio sono assicurati per un poco. In mancanza d’altro!

Mi vien da pensare come una volta, fino ai primi anni 80 del secolo scorso, la raccolta venisse effettuataraccolta-olive-2 solo manualmente. Familiari e parenti si riunivano festosamente. C’era chi saliva sugli alberi tramite pesanti scale di legno, altri usavano piccoli rastrelli a mano, si adoperavano ancora le ceste a tracolla di tela o di vimini e…si cantava, si facevano “péttele” parlando e sparlando. Passando lungo la campagna si sentivano voci, canzoni e risate. Le terre vivevano.                       Ora? Si sentono solo i rumori meccanici degli scuotitori pneumatici! Un susseguirsi interminabile di scoppiettii e stridii lamentosi che non hanno nulla di bucolico e dopo ore di lavoro ti continuano a “rintronare” nel cervello.

17/10/2017 martedì                                                                                                                                     Dal 3 ottobre scorso il Comune non può ancora rendicontare all’USRC le somme erogate con il 1°SAL del 29/09 per un mancato aggiornamento della documentazione necessaria da parte dell’altro beneficiario. Prevedendo tempi lunghi (non più sostenibili) tentiamo (incautamente) di contattare l’altro beneficiario per comprendere meglio la situazione e spiegargli quella nostra, insomma, per darci una mano fra compaesani.

Ci ritroviamo davanti ad una reazione incontrollata con accuse di violazione della privacy e addirittura di violazione della proprietà privata ( abbiamo parcheggiato l’auto sul loro piazzale!) e ci sentiamo dire, oltretutto, che non devono avere più nulla dal Comune perché la pratica è stata chiusa un anno fa!?

Chiedendo scusa (zitti, zitti) siamo risaliti in auto e sconcertati abbiamo ripreso la strada di casa.

18/10/2017 mercoledì                                                                                                                                  Ho parlato telefonicamente con il “beneficiario” contattato (scontr..attato!) ieri per chiarire la nostra posizione e offrire le nostre scuse semmai le nostre intenzioni fossero state mal interpretate. Non è stato possibile! Forse non so più esprimermi e non conosco bene la “lingua” del posto! STOP.

19/10/2017 giovedì                                                                                                                                        1513-il-sogno-tSa- Ho fatto un sogno. I had a dream…

Ero vestito come uno scolaro degli anni 50. Indossavo un grembiule blu ed intorno al collo portavo un candido colletto ed un fiocco azzurro e…….piangevo a dirotto! Me ne stavo seduto sullo scrittoio di un vecchio banco di legno, con le gambe a penzoloni, in un’aula con le pareti tappezzate di fogli di tutte le dimensioni che riportavano strani disegni tecnici, il testo di mille comandamenti e innumerevoli ed incomprensibili direttive.

Un giovane maestro mi stava rimproverando aspramente affiancato da altri due scolaretti che gli davano manforte e tutti mi accusavano di indicibili misfatti che in cuor mio non riconoscevo aver mai compiuto.  Non reagivo. I singhiozzi soffocavano ogni mia parola e le lacrime cadevano sui pantaloncini corti e scivolavano sulle mie gambe nude …… ricoperte da lunghi peli grigi che quasi nascondevano la pelle grinzosa. Con la mano, ruvida e callosa, cercavo inutilmente di asciugarmi le lacrime sulle guance rugose ed il mento avvolti da una trasandata ispida barba biancastra.                                                     2273.tmpNon riuscendo più a sopportare quella situazione sono sceso dallo scrittoio posando i piedi a terra, non senza qualche difficoltà, e appoggiandomi ad un bastone ho salutato con un cenno e sono uscito dall’aula portandomi dietro i miei 70 anni e sulle spalle tante speranze perse e forse irraggiungibili.

Appena fuori ho rivolto lo sguardo ad uno sbiadito tricolore che sventolava appeso ad un’asta. L’ho guardato per un attimo deluso. Spostando una delle transenne che delimitavano da anni un’area di pericolo mi sono allontanato lentamente rivolgendo l’unico mio pensiero ad una casa dalla quale mi separavano 8 lunghi anni ed una foresta impenetrabile….

20/10/2017 venerdì                                                                                                                                       La “rendicontazione” è stata sbloccata. Ora il Comune potrà redigere ed inviare la documentazione dovuta all’USRC di Fossa per avviare il pagamento del secondo Stato di Avanzamento dei Lavori. Intanto è passato un mese dalla sua presentazione.

Il cantiere resta chiuso! Ci ha chiamato il rag. Rossi della Icor: i lavori sono bloccati anche nella prossima settimana. Cerco di contattare subito l’Impresa ma i responsabili e gli impiegati sono irreperibili. Non rispondono o…non ci sono più!

23/10/2017 lunedì                                                                                                                                 Pioggia e vento su tutti i fronti. Casetta nostra soffre abbandonata alle intemperie e con protezioni fittizie.

Il nostro architetto ha inviato un secondo Ordine di Servizio alla Icor intimandole la ripresa dei lavori. La Icor risponde adducendo sempre come scusante il ritardo dei pagamenti. Secondo me è una tattica che nasconde altri problemi e non porterà a nulla di buono.

26/10/2017 giovedì                                                                                                                                   Sono riuscito a contattare il ragioniere della Icor. Oggi hanno una riunione con la direzione per parlare della situazione quindi non sa che rispondere se non che i lavori non saranno ripresi fino al 3 del prossimo mese…forse…  Ho il timore che questa loro riunione diventi un addio ed un “tutti a casa”!

Vista la situazione tramite pec abbiamo inviato al Comune una richiesta di proroga fine lavori.

27/10/2017 venerdì                                                                                                                                  Preso appuntamento con il responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune per il prossimo martedì 31 per discutere della nostra richiesta di proroga.

31/10/2017 martedì

Con Loi e il suo collega Rapisarda siamo stati ricevuti dal responsabile tecnico del Comune. Abbiamo esposto la situazione evidenziando il blocco dei lavori che perdura dal 2 ottobre scorso e l’invio a Icor di 2 Ordini di Servizio inascoltati. Ha preso in considerazione la nostra richiesta di proroga. Ci farà sapere.

Ho scattato in cantiere delle foto che evidenziano i danni causati dal maltempo. Ci sono molte infiltrazioni dal tetto lasciato quasi scoperto!

 

 

21)03.08.17

 

NOVEMBRE 2017      Non so più che Santo pregare…

 

06/11/2017 lunedì                                                                                                                                        Nei giorni scorsi il maltempo ha ancora imperversato. Forti raffiche di vento e pioggia incessante hanno divelto parte del già insufficiente e provvisorio telone che ricopriva una porzione del tetto. E’ un mezzo disastro. Ho scattato altre foto ma se continuiamo così mi sa tanto che mi rimarranno “solo le foto” di casetta nostra! Siamo veramente demoralizzati.

Il nostro architetto ha inviato una ulteriore pec con l’ennesimo Ordine di Servizio alla Icor. Ha segnalato i possibili pericoli di deterioramento della struttura e i futuri eventuali addebiti per danni evidenziando ancora il fermo ingiustificato del cantiere.

07/11/2017 martedì                                                                                                                                         Il cantiere resta chiuso!

Oggi è arrivato, da solo, il bravo capocantiere della Icor che ha effettuato un sopralluogo per mettere al più presto, in sicurezza il tetto.                                                                                                                    Con l’occasione ha prelevato alcuni importanti utensili elettrici della Icor ( 3) ed il frigorifero di sua proprietà. Non mi sembra di buon auspicio!

La Icor ha inviato lettere di licenziamento ad operai, impiegati e professionisti! Portano la data di oggi. Non credo che tutto ciò sia la premessa di una strana ripresa dei lavori!                                        Sono riuscito a parlare telefonicamente con l’amministratore delegato della Icor Dorica. Riferisce che:     L’Impresa sta passando un momento estremamente difficile a causa di crediti non saldati, ritardi nei pagamenti oltre che per alcune cause legali in corso. Sperano di risolvere e di poter eventualmente riassumere del personale e….finire i lavori”. Niente di concreto. Tutto molto vago.                              Oggi stesso hanno un’altra riunione importante. Ci terrà aggiornati. (?) Ho chiesto chiarimenti per iscritto. Non ha risposto.

08/11/2017 mercoledì                                                                                                                                 Sono venuto a sapere che alcune (tutte?) le ditte che hanno fornito materiali e lavorato per l’Impresa non sono state pagate e che anche le maestranze non hanno percepito gli stipendi da mesi. A quanto pare la situazione è grave e non credo più ad una soluzione con la IcorNon credo nemmeno che tutto sia da addebitare al ritardo (inconsistente) con cui ci è stato pagato il 1° SAL che, comunque, è stato l’unico incassato dall’Impresa per intero. Non ho più fiducia.

09/11/2017 giovedì                                                                                                                                       Ho inviato una email al responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune. Ho riferito sulla criticità della situazione e nel contempo ho chiesto notizie sul 2° SAL presentato il 19/09 scorso. Ne prende atto per quanto riguarda i lavori mentre per la proroga attende notizie da UTR di Cugnoli (ma non spetta al Sindaco?) mentre per il SAL non ha ancora avuto notizie da USRC.

11/11/2017 sabato                                                                                                                                        Ho contattato un avvocato. Gli ho esposto la complessa situazione. Intanto il cantiere resta chiuso! E’ aperto solo alle intemperie. Ho scattato altre foto sui danni.

14/11/2017 martedì                                                                                                                                   Siamo stati ricevuti dal Sindaco. Ci invita a risolvere la situazione. L’invito è ben accetto ma la vedo molto dura e complicata e di non facile soluzione.

Per quanto riguarda la proroga richiesta ci prospetta altri 6 mesi entro i quali i lavori devono essere portati a termine.

Vista la situazione non ci metto la mano sul fuoco anche perché ora dovrò cercare (solo dopo aver definito e chiuso il caso Icor) un’altra Impresa seguendo delle regole precise ( gara d’appalto fra almeno 5 iscritte in una lista redatta da USRC la quale, a sua volta, non ci mette neanche lei la mano sul fuoco sulla bontà delle Imprese elencate).  GOTT MI UNS ?

Ho inviato un sms all’amministratore e al proprietario della Icor. Non sono reperibili al telefono. Ho loro richiesto un intervento urgente per mettere in sicurezza il tetto.                                                              L’avvocato ha inviato una pec seguita da lettera raccomandata alla Icor. Viene chiesto loro di riprendere i lavori sospesi e di prendersi carico di eventuali danni causati dal maltempo.  Non credo ci sarà data risposta. Vedremo.

17/11/2017 venerdì                                                                                                                                   Sono stato in cantiere. Un’altra ondata di maltempo ha provocato danni in tutta la zona. Ha piovuto ininterrottamente per giorni. Ci sono state frane e smottamenti. Alcune strade sono difficilmente percorribili. Le scuole sono rimaste chiuse su ordinanza del Sindaco.

Ho scattato 43 foto a casetta nostra. Il telone sul tetto è stato in parte divelto e ha formato invasi d’acqua che poi hanno tracimato invadendo le stanze sottostanti. Pareti, pavimenti, soffitti e travi sono impregnati. UN PIANTO……                                                                                                                                      Con mia moglie abbiamo cercato di metterci mano per quel poco che potevamo fare e con mezzi alquanto empirici. Siamo distrutti.

Nessuno della Icor è rintracciabile.

19/11/2017 domenica  Totò.-Mi-faccia-il-piacere                                                                               Voci di corridoio: sembra che il titolare della Icor abbia contattato l’ex capocantiere. Lo vorrebbe riassumere con un altro operaio per mettere in sicurezza il tetto ….e poi (udite, udite) finirlo e portare a termine i lavori.  A noi non è giunta nessuna comunicazione e loro continuano ad essere irreperibili al telefono. Aspetterò qualche giorno e poi procederò tramite l’avvocato.

 

Non aspetterò la manna dal cielo (ma che cos’è sta manna?).

22/11/2017 mercoledì                                                                                Nessuno si è fatto sentire. Ho disposto l’invio della lettera di rescissione che verrà inviata oggi stesso tramite pec ed in seguito con raccomandata.

23/11/2017 giovedì                                                                                                                          Improvvisamente si fa vivo l’amministratore delegato della Icor con una telefonata.

L’ing. Battistelli mi comunica che “domani verranno in cantiere 2 operai (fra cui l’ex capocantiere) che per l’occasione sono stati riassunti (!?). Metteranno in sicurezza il tetto con nuovi materiali ma NON saranno ripresi i lavori perché non sono stati pagati sia da noi che da altri cantieri”.

ORA (tanto per essere chiari):  per quanto riguarda noi il 1°SAL, presentato al Comune il 04/07, è stato pagato alla Icor il 02/10 scorso quindi nei termini dei 90 giorni, tuttalpiù con un ritardo di 2/3 giorni, MA:                                                                                                                                                                la Icor ha sospeso i lavori quello stesso 2 ottobre e, sebbene saldata per intero, non li ha più ripresi a tutt’oggi!                                                                                                                                             QUINDI                                                                                                                                                      noi non crediamo di essere la causa della sospensione dei lavori ma pensiamo che essa sia da ricercare nei loro rapporti con altri clienti o loro problemi interni.

L’ingegnere ha altresì confermato di aver ricevuto la nostra lettera nella quale si esortava l’Impresa a riprendere i lavori aggiungendo (a parole per telefono!) di non aver nulla in contrario se ci rivolgessimo ad un’altra Impresa! Dovrebbero, in tal caso, solo effettuare un sopralluogo sul posto con la presenza del nostro Direttore ai Lavori per redigere lo stato di avanzamento attuale dei lavori, documentare le condizioni del cantiere e inventariare le attrezzature e i materiali giacenti sul posto. E’ una prassi dovuta che già abbiamo deciso di effettuare con il nostro architetto.

Ho aggiornato telefonicamente il nostro architetto. Propone (e concordo), con la presenza di ambedue le parti, di discutere tutto davanti all’avvocato per raggiungere un accordo bonario da mettere nero su bianco.                                                                                                                                                        Sentito l’avvocato che è d’accordo.

24-25/11/2017 venerdì, sabato                                                                                                                    205) 25.11.17 (2)Sono arrivati in loco il capocantiere ed un altro operaio della Icor. Non è arrivato l’amministratore della società che li seguiva ma poi ha proseguito verso… altri cantieri. Hanno messo in sicurezza il tetto principale e quello del bagno con nuovi teloni fissati con tavole di legno. Hanno spostato e coperto le travi di legno collocate sul piazzale e collocato sul tetto le “catene” in ferro ancora da posizionare. Un bel lavoro, come al solito…quando lavorano!

27/11/2017 lunedì                                                                                                                                         Mi ha chiamato (!) l’ing. Battistelli della Icor:

Se non arrivano i soldi del 2° SAL (presentato il 19/09/17 quindi 69 giorni fa) non siamo in grado di riprendere i lavori perché non possiamo accollarci altri debiti in stipendi, materiali etc.

Ora: premesso che il 1° SAL è stato pagato all’Impresa da tempo ed entro i termini e che dal giorno stesso del saldo (2 ottobre 2017) la Icor ha sospeso i lavori (mai più ripresi), secondo il contratto firmato, all’art. 9/1 i lavori possono essere SI sospesi su richiesta scritta (mai arrivata) dell’Impresa quando la liquidazione del SAL superi i 90 giorni dalla sua presentazione MA devono pure essere ripresi entro e non oltre il 5° giorno successivo all’avvenuto pagamento. E allora? Inoltre: non ritiene opportuno partecipare ad una riunione fra le parti perché non può dare risposte concrete.                                    Eppoi una sequela infinita di “se”se se se ….Un detto dice che “con i se e con i ma la storia non si fa”.

Aggiornato il Direttore dei Lavori: non si fida più.

Ho contattato un’altra impresa. Continuo nella ricerca. Devo contattarne altre quattro.

28/11/2017 martedì                                                                                                                                      Ho aggiornato l’avvocato. Abbiamo definito la decisione di rescindere definitivamente il contratto con la Icor dato che nessuno si è fatto vivo e non sono rintracciabili.  Allo scadere dei 15 giorni, non ottenendo risposta alla nostra seconda lettera del 22/11, verrà inviata una ulteriore lettera di rescissione definitiva del contratto dopo averne studiato tutti i particolari ( e non sono pochi).

04/12/2017 lunedì                                                                                                                                          Ci siamo messi in moto per acquisire una nuova impresa che porti a termine i lavori sperando che sia quella buona. Mi sono affidato a conoscenze che lavorano nel campo dei lavori per l’edilizia. Loro dicono che non ci dovrebbero essere problemi una volta che l’attuale situazione fosse definita e sbloccata. Speriamo….visto anche che tutt’oggi le varie agenzie di informazione online indichino come la Icor Dorica risulti ancora essere una società solida e affidabile!

11/12/2017 lunedì                                                                                                                                           Il titolare di una impresa ha effettuato un primo sopralluogo in cantiere. Ha avuto modo di constatare che i lavori fin qui effettuati sono stati eseguiti molto bene. (Meno male!)                                             Dovrà ritornarci perché purtroppo ci ha sorpreso il buio della sera che non gli ha permesso di verificare la situazione del tetto. Intanto contatterà il nostro Direttore dei Lavori per avere più chiarimenti.

14/12/2017 giovedì                                                                                                                                        Abbiamo inviato all’impresa interessata il computo metrico ed il quadro comparativo in modo che abbia ben chiara la situazione. Il titolare dell’Impresa ne è rimasto meravigliato per la precisione ed i dettagli. (bravo Loi!)

15/12/2017 venerdì                                                                                                                                Riportata oggi sul sito USRC la Determina n. 783 del 04/12/17 (!) che eroga al Comune la seconda tranche (richiesta 88 giorni fa).

Sentito subito il geometra Chiavetta del Comune il quale conferma. L’importo erogato è a saldo del 1° SAL dal quale mancavano €.35.000 che sono stati quindi saldati dopo 165 giorni dalla nostra richiesta del 4 luglio scorso! Il rimanente è un acconto sul 2°. Mancano quindi sempre dei soldi!!!

Quando lo Stato deve……aspetta e spera …e intanto le Imprese creditrici licenziano o chiudono. Così è se vi pare!

Il geometra, oltretutto, non crede che i soldi possano essere accreditati sul mio conto dedicato entro la fine dell’anno a causa della chiusura della contabilità del Comune. Va bene!

18/12/2017 lunedì                                                                                                                                        Abbiamo deciso, con l’avvocato, la definitiva risoluzione del contratto con la Icor i cui dirigenti continuano ad essere irreperibili. Mi dispiace perché sapevano fare molto bene il loro lavoro e di più mi dispiace per gli operai e impiegati che (ho saputo) sono stati licenziati e si sono rivolti ad uno studio legale per ottenere quanto spettante da mesi. Dovremo provvedere a definire molti punti importanti. Non è e non sarà semplice. Come al solito.

21/12/2017 giovedì                                                                                                                                         Il Comune ha pubblicato sull’albo pretorio la Determina n. 329 del 15/12/17 che stabilisce la somma a nostro favore per la ristrutturazione a causa del sisma del 2009. Ci hanno anticipato che l’accredito sarà possibile solo dopo il 1 gennaio. Forse lo troveremo dentro alla calza della befana.

 

Natale in casa Garibaldi! (4)Ora pensiamo al Natale.

Noi pensavamo di passarlo nella nostra casetta ma purtroppo…. c’è non poca tristezza nell’aria. Meno male che avremo con noi le nostre figlie. Faremo l’albero e il presepe. Apriremo i regali e brinderemo sperando di festeggiarlo il prossimo anno a casa nostra.                                                                         Buon Natale a tutti e dato che è un giorno in cui bisogna essere buoni auguriamo un Buon Natale proprio a tutti, nessuno escluso salvo…ma no, dai, BUON NATALE A TUTTI e già che ci siamo BUON ANNO (a tutti).

28/12/2017 Giovedì                                                                                     Con il titolare dell’Impresa interessata a portare a termine i lavori abbiamo fatto un nuovo, più approfondito e completo sopralluogo in cantiere. Ha ribadito quanto i lavori finora eseguiti siano stati fatti bene. Ha anche espresso un parere più che buono sulla completezza e meticolosità dei documenti che il nostro architetto gli ha fatto pervenire. A suo dire sono i migliori visti finora nell’arco della sua attività. Mi fa piacere.

E’ propenso a prendere in mano lui i lavori rimasti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...