Archivi tag: Cristiano

GIUGNO 2009

z settembre 2007 2 032GIUGNO 2009 : verba volant, scripta manent.

01 Giugno Dormito in via Garibaldi. 5° notte.

Panorama di Collecorvino (Pe) Sullo sfondo la Maiella.

Panorama di Collecorvino (Pe) Sullo sfondo la Maiella.

Oggi c’è il ponte. Nessuna novità.

02 Giugno Dormito in via Garibaldi. 6° notte.

Festa della Repubblica. Nessuna novità.

03 Giugno Dormito in via Garibaldi. 7° notte. ( Non riporterò più questo dato perché prevedo che in via Garibaldi dovremo starci per tanto, tanto tempo.)

Telefono al Comune per contattare il sig. Zaffiri, l’ assessore. E’ in riunione. Lascio il messaggio ad una dipendente affinché mi faccia richiamare.   Non mi ha richiamato.

L’idraulico non si è visto.

Ore 16.00     Ci rechiamo in via Milano a Pescara allo studio dell’ing. Galli. Ci consiglia di aspettare la fine di giugno .

Il Decreto Legge deve essere convertito in legge con varie modifiche per lo più positive. Al momento è tutto in sospeso e non si conoscono certe direttive e come interpretarle. Etc. etc.

La perizia giurata, fatta in una certa maniera, con tutti i sacri crismi, verrebbe a costare più di 3000 euro ma sembra che anche questa spesa dovrebbe essere riconosciuta e rimborsata dallo Stato. Aspettiamo.

04 Giugno   L’idraulico non è venuto. Verrà.

Oggi ha telefonato Gabriele. E’ la persona che, poco tempo fa, ha montato l’impianto di riscaldamento a casetta nostra.  “ Mario – mi dice – l’ho saputo solo ora . Se avete bisogno di qualsiasi cosa fammelo sapere. Vengo gratis. Non vi dovete preoccupare.”

Gabriele è piccolo di statura ma è un grande uomo. Non dice mai di no , sia sul lavoro che a livello di amicizia. Ciao Gabrié. Grazie.

05 Giugno  L’idraulico non è venuto. Verrà.

Oggi ho chiesto al geometra del Comune se posso installare un divisorio in vetro per chiudere e soprattutto insonorizzare una apertura esistente fra il bagno e la camera da letto. E’ un vuoto di 50 centimetri x 2 metri circa, posto all’altezza del soffitto. Se stai a letto non è piacevole rimanere “stupiti dagli effetti sonori” di chi sta nel bagno!   Mi ha risposto che a spese mie posso fare tutto quello che mi pare. Grazie.

Ho chiamato Cesare, un falegname del posto. Provvederà prima possibile nel modo migliore e meno costoso.

06 Giugno

Ore 08.00 : viene Cesare, il falegname. Prende le misure e dice che in settimana pensa di riuscire a montare il divisorio. Costo : circa 80 euro. Date a Cesare quel che è di Cesare.

Ore 09.30     Chi si vede! Entra l’idraulico. Riesce alle 11.30 . Ha finito tutti i lavori . C’è rimasto un termosifone da vedere ( quello senza valvola di scarico) . Non dovesse funzionare ripasserà lui. Per ora arriva l’estate, poi si vedrà.  Ci dice anche di aver avvisato il Comune perché bisogna assolutamente fare un altro foro sul vetro della finestra della cucina per l’aerazione dei locali nei quali si usa il metano. Senza il foro l’impianto non è a norma. Non sa perché ne sia stato eseguito solo uno. Neanche io.

07 Giugno Nessuna novità.

08 Giugno Nessuna novità.

09 Giugno     Oggi è arrivata la ricevuta della raccomandata inviata al Sindaco il 25 maggio.   Hop, hop cavallin!

10 Giugno

Ore 09.00 Parlo telefonicamente con l’ing. Di Giacomo, del Comune.

Quelle della lettera che ci avete inviato sono tutte cazzate. Dovete pagare voi la messa in sicurezza e se non avete i soldi…non sono problemi miei.”        Prosegue riferendosi alla dottoressa De Cesaris della Prefettura : “Ditelo a chi vi ha parlato del Decreto Legge eccetera.”  

Continua : “ Domani vado all’Aquila a parlare personalmente con Bertolaso  ( amico di infanzia ?) proprio di questo caso.”  

Aggiunge infine perentorio : “Rischiate di perdere il treno. Ditelo anche a quello”( riferendosi a Galli che, d’altra parte, ci aveva segnalato lui stesso). Altro non aggiunge.

Nessuna mano tesa. Nessuna “ dritta”, come si dice in gergo.

Ore 09.30   Parlo con l’ing. Galli e riferisco della telefonata e degli aut, aut. Ci parlerà lui e poi ci richiamerà. Quando mai ?

Sto al bar per un caffè e mi va l’occhio su un articolo del quotidiano locale “Il Centro”. Parla della confederazione CONFAPPI e delle consulenze sui danni causati dal sisma. Ne fa parte anche l’avvocato Carminucci di Pescara. Nell’articolo è riportato anche un indirizzo e-mail. Proviamo.

11 Giugno

ore 10.00 Vado alla Prefettura per ringraziare degli assidui interessamenti il sig. Sanfilippo e la dottoressa De Cesaris.    Riferisco loro anche dell’ultimo colloquio avuto con l’ing. Di Giacomo.

La dottoressa chiama il Comune. Il Sindaco è assente. L’ingegnere è fuori sede ( sta dal Bertolaso !) . Riesce a parlare con la Segretaria Comunale : Le fa due domande secche: una sulla squadra verifiche DICOMAC, messa a disposizione nella provincia di Pescara e disponibile su richiesta dei Sindaci e la seconda sul “ nesso di casualità “. La segretaria comunale dichiara di non sapere nulla sull’argomento.

La Vice Prefetto, alquanto sbalordita per la risposta avuta, mi dice che richiamerà in Comune cercando di contattare il Sindaco e mi farà sapere. Tolgo il disturbo.

Vado verso la stazione degli autobus di Pescara ad aspettare Marzia che era andata alla Sapienza di Roma per un colloquio. Devo attendere una mezzora. Giro per la città. Tutto mi sembra normale.

12 Giugno Nessuna novità da nessuno.

Domani riparte Marzia. Destinazione Copenaghen, Danimarca. Decidiamo che stasera si va a cena da Cristiano. Prenoto per tre.

Sono sempre molto carini tutti quanti. Si cena ottimamente. Marzia decide di assaggiare il riso alle fragole, tanto decantato dal signor Gianni. E’ buonissimo. Ci facciamo dare la ricetta dallo chef. Si avvicina al nostro tavolo il figlio di Cristiano, Giovanni, di sette anni. Ci ringrazia del libro che gli abbiamo regalato martedì scorso per il suo compleanno. Un bacetto a Michela e scappa. E’ molto timido.

Chiediamo il conto. “ Quante volte volete pagare ? – ironizza Cristiano – Non ti ricordi – rivolto a me – che hai già pagato quando sei uscito in giardino a fumarti una sigaretta ?!” Siamo nuovamente imbarazzati. Restiamo senza parole. Ma è vero che il fumo fa male?

13 Giugno Nessuna novità da nessuno.

14 Giugno Nessuna novità da nessuno.

Oggi in paese c’è la processione che avevano rinviato per la pioggia 15 giorni fa. Portano a spasso per il paese i Santi protettori e la Madonna.

Il convento di S. Paterniano riapre i battenti. Inagibile per il sisma, ma non colpito gravemente,  è stato rimesso a posto in tempi da record, si dice anche con l’aiuto dei cittadini di Collecorvino Paese.   I maligni asseriscono che c’è un motivo : oggi ci sono le comunioni e l’unica chiesa disponibile sarebbe stata quella nuova della Stazione, frazione del Comune a 3 chilometri dal paese, situata nella vallata del Tavo.     C’è acceso campanilismo fra le due località. Gli abitanti del centro non avrebbero voluto che i loro bimbi festeggiassero questo “ sacro “ avvenimento in casa del nemico.   Lasciate che i bambini vengano a me! ( ma all’indirizzo giusto !)

L'inanimata Via Garibaldi tappezzata di Vendesi e Affittasi.

L’inanimata Via Garibaldi tappezzata di Vendesi e Affittasi.

Intanto il centro storico del paese sta morendo. I cartelli con la scritta “vendesi “ e con quella “ affittasi “ sono numerosi sia su abitazioni private che su locali commerciali. Sono attivi pochi negozi, si contano sulle dita di una mano, e fra questi sono 2 i barbieri.  Non esiste più la farmacia che si è trasferita alla stazione come molte altre attività.  Resiste la Casa Comunale che ormai sembra in posizione obsoleta visto che la vera Collecorvino vive e lavora nella periferia e nelle varie frazioni del territorio.

15 Giugno Nessuna novità da nessuno.

16 Giugno    Sollecito il geometra del Comune per il foro di aerazione mancante. L’impianto del metano non è a norma. Lui aspettava il via dall’idraulico.    L’idraulico il 6 giugno ci aveva detto di aver avvisato chi di dovere. Olé. Nessuna altra novità.

17 Giugno Nessuna novità da nessuno.

18 Giugno  

ore 11,30 Telefono al Sindaco per sapere se ci sono novità.

Mi risponde indispettito che novità ci sono ma sarebbe il caso che io mi facessi vedere presso gli uffici comunali invece che telefonare e che comunque devo rivolgermi all’ingegnere Di Giacomo e non a lui. Scusi !

Chiamo l’ingegnere ma è fuori stanza.                                                                            Richiamo dopo dieci minuti per fissare un appuntamento.

Le ho inviato oggi una lettera – senza buongiorno né buonaseranella quale le impongo, a partire dal 10 giugno, di mettere in sicurezza la casa entro 90 giorni a sue spese.  Io ho perso quattro giorni da Bertolaso esclusivamente per lei !! ( con quale esito ?) Invece di scrivere quella lettera a mezzo mondo, bastava che venisse qui. Lei è un furbo. (?). – e continua (sorvolo sugli aggettivi rivolti a me e ad una certa persona della prefettura) – Veda di sentire Carlo ( l’ingegnere Galli ) e provveda al più presto .”  

Gli rispondo che non mi sembra il caso di discutere per telefono e che sarebbe meglio vederci.  Risponde : “io sono in ufficio tutti i mercoledì e giovedì.”

Oggi è giovedì ma non sono in grado di andarci perché i miei nervi stanno al limite tanto che mi manca l’aria.

Lo saluto gentilmente. Metto giù la cornetta ed iperventilo per alcuni minuti.

Ore 12,00    Chiamo l’ingegnere Carlo Galli. E’ ad una riunione e ha poco tempo da dedicarmi. Mi dice di aspettare che arrivi la lettera del Comune e quindi di risentirci. Aridanghete.

Ore 13,10     Ritorna Michela dal lavoro. Riferisco…ma non riferisco  i suoi commenti!  Orario protetto.

19 Giugno              Per pura curiosità entro sul sito Telecom per vedere l’importo dell’ultima fattura. Meravigliato, ma non più di tanto, accerto che mi è stato addebitato il trasloco della mia utenza dalla casa inagibile: 70 euro. Chiamo il 187.

L’operatrice Patrizia (per quel che vale sapere il nome) si scusa, approfondisce, appura che l’operatore che aveva accettato la mia richiesta non aveva evidenziato non so cosa . Legge le circolari in merito alle disposizioni per la zona terremotata e alla fine mi chiede di inviare a mezzo fax copie della ordinanza di evacuazione fatta dai Vigili del Fuoco e copia della assegnazione della casa di via Garibaldi da parte del Comune. Mi invita a richiamare fra una settimana , e non prima, per avere conferma che lo storno della fattura sia stato effettuato. Obbedisco…e poi vedremo.

20 Giugno C’è posta per me.

In mattinata incontro la postina per strada e le chiedo se c’è qualcosa per me. Mi consegna la raccomandata del Comune, quella già anticipatami telefonicamente dall’ing. Di Giacomo. Non la apro subito. Prendo un caffè e vado a casa.

Apro e leggo : << Il sottoscritto Ing. Giustino Di Giacomo, Responsabile del Settore Terzo – Tecnico dell’Ente intestato……in riferimento alla Vs nota del ……… comunica che sul G.U.R.I.- serie generale n.132 del 10.06.2009 sono state pubblicate le modalità ……… e altre disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanze n. 3778 e n. 3779). Pertanto la S.V. è tenuta ad attenersi alle sopra citate ordinanze ……… A disposizione per eventuali chiarimenti………. Firma >>

Specialmente quel “ a disposizione “ non lo capisco in quanto per telefono mi ha detto, come sunto, che ci devo pensare io alla messa in sicurezza e a tutte le spese conseguenti (!!) e che ho 90 giorni di tempo per la domanda di concessione dei contributi.

Mi armo di pazienza e di computer ( senza ADSL) e navigo alla ricerca delle ordinanze.

Occhi stanchi ma alla fine riesco a scaricare ( si dice così ) quello che mi interessa. Cerco di stampare dopo aver salvato ma qualcosa non funziona. Stasera ritorna Marina. Lei è una esperta. Chiederò un aiuto.

Ore 17.00    Marina riesce in poco tempo a risolvere l’inghippo . File, salva, desktop e alla fine stampo 51 fogli (sic !) dove sono riportati articoli, commi, riferimenti, ordinanze etc. etc. Ora non mi rimane che usare la mia poca vista , leggere e cercare di capire.

La domanda sorge spontanea : bene o male, anche se ultrasessantenne rincoglionito e con pochissima esperienza nell’uso dei computer, in qualche ora sono riuscito a combinare qualcosa MA come avrebbe fatto tanta e tanta gente magari anziana, senza primaria istruzione e forse senza possibilità di aiuto da parte di familiari ? Da chi sarebbe stata aiutata ?

Non parliamo poi del dover capire i G.U.R.I. ( Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana. Maledette sigle !) , le ordinanze etc.

Credo, e spero, che esista un posto in questo nostro mondo dove si agisca diversamente.

21 Giugno    E’ domenica, c’è mia figlia e cerchiamo un po’ di serenità nel parlare della vita normale, quella di tutti i giorni normali.

22 Giugno    Nessuna novità.

23 Giugno    Ieri sera alle 23 circa, il letto ha ballato e noi con lui.

C’è stata una scossa di terremoto che oggi ho saputo essere stata del 4,1 della scala Richter con epicentro sempre nell’aquilano  Sono andato a vedere casetta nostra : è sempre su. Acciaccata ma sempre in piedi.

Ho telefonato in prefettura : il sig. Sanfilippo da domani sarà distaccato per servizio ai Giochi del Mediterraneo che questo anno si svolgono in Abruzzo e coinvolgono tutte e quattro le province.

Non so se sia cosa buona e giusta ma, assieme al G8, penso sarebbe stato meglio non si svolgessero in Abruzzo in questo momento.  Di certo fanno conoscere la Regione ma creano anche disservizi e problemi oltre ad alti costi, non sempre coperti da eventuali incassi, e di queste cose credo che l’abruzzese ora ne avrebbe fatto volentieri a meno.

Dalla prefettura ho avuto un consiglio che vedrò di sfruttare.

24 Giugno     Siamo stati alla Confappi, la confederazione della piccola proprietà immobiliare.                                                                                                            Abbiamo parlato con l’avvocato Carminucci e l’architetto Galasso ed il suo Studio. Sembrano consapevoli della problematica che ci interessa . Nella zona dell’Aquilano stanno lavorando bene. Hanno chiesto un poco di tempo per istruire la pratica. Lunedì ci dobbiamo risentire. Aspettiamo.

25 Giugno Nessuna novità.

26 Giugno   Come d’accordo ho chiamato il 187 per lo storno dell’addebito del trasloco. Dall’operatrice Andrea mi viene detto di non pagare la fattura perché entro il 10 luglio mi richiamerà la Telecom . Vedremo.

27-28 Giugno    Nessuna novità.

29 Giugno    Chiamo la Confappi ma mi chiedono ancora un po’ di tempo. L’avvocato ha lasciato detto di richiamare domani alle 18. Aspettiamo.

A proposito.  Non abbiamo più notizie dell’ingegnere Galli. Silenzio assoluto.

30 Giugno     Ieri sera, verso mezzanotte, c’è stata una piccola scossa. Stavamo a letto. Michela l’ha sentita. Io dormivo profondamente.

Alle sei di sera richiamo l’avvocato Carminucci .

…continua…

Annunci